Missione Rumore - Associazione italiana per la difesa dal rumore

Vicini rumorosi

Rumore da vicini maleducati

Segnalazione

27 aprile 2014
Vorrei sapere perché il legislatore e le forze di
pubblica sicurezza sono così restie a intervenire ( e a punire )
quando vengono chiamate a risolvere questioni che riguardano il rumore
prodotto da “vicini” maleducati. A mio avviso , questa è una
questione così importante in una società ormai troppo spesso
accalcata ,che se non trova una risposta adeguata ,potrà
scatenare,nelle sfortunate persone interessate, veri e propri sentori
di odio anche razziale verso i propri vicini. La vostra associazione
sollecita il governo a fare qualcosa ?…..
M.C. – Ferrara
Risposta dei nostri esperti
31 maggio 2014
Gentile signor M.C.,
Lei sopravvaluta le forze della nostra Associazione.
Peraltro da decenni l’azione dei Governi in questa materia è stata sempre incerta e qualche volta persino finalizzata alla tutela del responsabile del rumore.
Da ultimo la nuova legge del 28 aprile 2014 che vorrebbe “depenalizzare” l’art. 659 del codice penale “disturbo delle occupazione o del riposo delle persone”. In particolare con questa nuova legge non è ancora chiaro come si comporteranno i Comuni e le A.R.P.A..
Le campagne di sensibilizzazione per il rumore lasciano il tempo che trovano. Ciò che conta, come Lei stesso sottolinea, è l’intervento delle Forze dell’Ordine e della Pubblica Amministrazione in ogni singolo caso di protesta per il rumore provocato dal vicino. È raro constatare un intervento di Polizia, Carabinieri, A.R.P.A. che abbia risolto definitivamente il problema del rumore.
Per avere altre informazioni in questa materia tecnico-legale le suggeriamo il libro di Giorgio Campolongo “Il rumore del vicinato nelle controversie giudiziarie” editore Maggioli, seconda edizione, 360 pagine.
Cordiali saluti
Roberto Campagnoli e Giorgio Campolongo

Rumore da tosaerba

Segnalazione

sono proprietario
di una porzione di un appartamento di villetta trifamifliare. in
sintesi il mio vicino quasi tutte le domeniche taglia l’erba
con il tosaerba o effettua lavori vari anche con trapani. Ci sono regole
in tal senso?
R.M. – provincia Cremona
Risposta dei nostri esperti
31 maggio 2014
Gentile signor R.M.,
nel Suo caso, trattandosi di rumore provocato da attività domestica cioè non lavorativa, non è possibile ottenere la soluzione del problema dal Comune e l’A.R.P.A..
Occorre rivolgersi al Giudice di Pace tramite l’avvocato. Prima è meglio far effettuare da un tecnico le registrazioni fonometriche del lamentato rumore.
L’azione presso il Giudice di Pace è basata sull’art. 844 codice civile, relativo alle immissioni. Ma occorre ricordare che questo articolo presuppone l’azione giudiziaria tra proprietari di immobili, cioè non l’inquilino disturbato contro l’inquilino responsabile del rumore, ma tra i loro relativi padroni di casa (ciò può sembrare strano e ingiusto, ma è così!).
Per avere altre informazioni in questa materia tecnico-legale le suggeriamo il libro di Giorgio Campolongo “Il rumore del vicinato nelle controversie giudiziarie” editore Maggioli, seconda edizione, 360 pagine.
Cordiali saluti
Roberto Campagnoli e Giorgio Campolongo

Rumore di calpestio e rumore dal pavè

Segnalazione

Abito nel centro storico di un paese in provincia di Lecco, in una casa ristrutturata nel 1991.
Il primo problema riguarda i miei vicini al piano di sopra, con i quali purtroppo condivido una parte del soffitto proprio della camera da letto.
I miei vicini vanno in giro fino a notte fonda e al mattino presto con calzature pesanti. Spesso il mio riposo notturno è disturbato, svegliandomi di soprassalto dai loro passi e spesso spostano degli oggetti pesanti.
Anche al mattino, compresa la domenica, uno dei componenti della famiglia si alza presto e si ripete la stessa situazione.
Quando devono partire si alzano di notte e per ore vanno avanti e indietro finché non partono.
Io farei un’insonorizzazione del soffitto, ma è fatto a cassonetti con una grande trave a vista.
Altro problema: il pavé della strada.
Due o tre anni fa l’amministrazione ha messo il pavé sulla via, nella quale io abito.
Da allora la strada è diventata molto più rumorosa, il rumore delle macchine si sente molto di più.
Anche perché pochi rispettano il limite orario prescritto di 30 km/h, che secondo me è comunque ancora alto, visto che si tratta di una via stretta nel centro del paese.
Inoltre i tombini sono fissati male e molto rumorosi quando ci passano le macchine sopra.
Ho provato a segnalare la cosa in comune ufficio tecnico e vigili urbani, ma non è successo assolutamente nulla.
Cosa posso fare?
L. M.– Provincia di Lecco
Risposta dei nostri esperti
Gennaio 2014
Gentile signora L.M.,
Lei ha due problemi: il vicino di sopra rumoroso e il pavé rumoroso.
Per il rumore del vicino poco importa l’anno (1991) della ristrutturazione del suo appartamento.
Si tratta di attività rumorosa di natura non commerciale, né produttiva, né professionale e quindi l’art. 4 del D.P.C.M. 14/11/1997 non si applica al caso suo. Per questo motivo il Comune non può tutelarla.
Per risolvere il problema Lei ha solo la possibilità di intraprendere azione giudiziaria contro il proprietario dell’appartamento di sopra (che potrebbe essere persona diversa da colui che ci abita come inquilino e che fa rumore), secondo l’art. 844 codice civile. Tuttavia nel suo caso, di rumore non facilmente prevedibile né riproducibile, occorre che Lei prima del ricorso dell’avvocato faccia eseguire una consulenza di acustica per avere le registrazioni grafiche del lamentato rumore. Si adoperi anche per avere testi, che possano testimoniare l’esistenza del rumore.
Faccia ben presente all’avvocato che il suo caso è tipicamente di rumore che “quando arriva il citiù il rumore non c’è più”. Il brocardo farebbe ridere se non fosse grave nel caso suo perché Lei deve farsi carico di risolvere il problema del C.T.U. che dovrà svolgere la sua azione peritale nel contraddittorio con le parti. Questo significa che il vicino di sopra è preavvisato della data e ora del sopralluogo e, quindi, semplicemente non farà rumore.
Questa materia tecnico-legale è trattata nel libro di Giorgio Campolongo “Il rumore del vicinato nelle controversie giudiziarie” editore Maggioli, seconda edizione, 360 pagine.

Quanto al secondo problema del pavé rumoroso riteniamo inutile che Lei protesti da sola. Suggeriamo di raccogliere l’adesione di altri e formalizzare in Comune la richiesta di sostituzione del pavé con asfalto. Però per far questo dovete essere parecchi e agguerriti in misura maggiore della scontata opposizione della giunta municipale.
Cordiali saluti
Campagnoli e Campolongo