La legge che vuole cambiare le orecchie agli italiani

La novella del co. 746 della legge n. 145 del 2018 che vorrebbe modificare il limite della tollerabilità dei 3 dB sul rumore di fondo.

Dagli anni ’70 sino alla fine del 2018 nelle controversie giudiziarie per immissione di rumore nelle abitazioni si è applicato il limite massimo dei 3 dB sul rumore di fondo di giurisprudenza dell’art. 844 codice civile per tutti i tipi di rumore, prodotti da attività domestica del vicino di casa (spostamento di sedie, voci, musica, TV, ecc.), impianti condominiali e di condomini (riscaldamento, condizionamento, scarichi idraulici, ascensori, ecc.) e attività produttive-commerciali-professionali (del pub di notte con musica, del ristorante, del supermercato, dell’artigiano, dell’insegnante di pianoforte, ecc.)

Ma la legge del 30 dicembre 2018, n. 145, comma 746, con decorrenza dal 1° gennaio 2019, modifica il limite più restrittivo della tollerabilità dei 3 dB sul rumore di fondo e lo sostituisce con i limiti più permissivi prescritti dai decreti attuativi della Legge 447/1995 sull’inquinamento acustico. Abbiamo detto modifica ma sarebbe meglio dire vorrebbe modificare perché in realtà la novella già dai primi giorni dopo l’emanazione ha suscitato discussioni estremamente accese la cui conclusione è che non modifica nulla e tutto resta come prima.

Il nuovo tentativo di modifica della tollerabilità dell’art. 844 c.c. si aggiunge ai precedenti, tutti regolarmente falliti, e in sostanza propone una lettura dell’art. 6-ter L. 13/2009 che non dice nulla di nuovo.

La falsa notizia dell’allentamento dei freni del controllo delle immissioni ha già provocato sui giornali e in web un’ondata di indicazioni approssimative, imprecise e fuorvianti, e tutte tese a pubblicizzare la volontà del legislatore di rendere i limiti meno severi e di sottrarre la materia alla valutazione discrezionale “caso per caso” del Giudice introducendo il criterio più uniforme della accettabilità amministrativa in sostituzione alla tollerabilità giudiziaria, cioè – per quanto attiene alle misurazioni fonometriche – i limiti in livello equivalente Leq dei decreti attuativi da sostituire al limite della tollerabilità dei 3 dB sul rumore di fondo.

In questo momento, gennaio 2019, sta dilagando la notizia dell’allentamento dei freni con grande soddisfazione dei gestori di locali notturni con musica, dei responsabili degli impianti di supermercati e di centrali termiche condominiali e in generale di tutti i responsabili del rumore e, nel contempo, la comprensibile e grande preoccupazione di tutti coloro che temono di dover subìre l’imperversare delle immissioni di rumore più forti e più frequenti rispetto allo scorso anno 2018. L’allentamento dei freni al rumore è oramai argomento virale.

In realtà a una attenta lettura appare chiaro che il comma 1-bis del co. 746 della legge n. 145 del 2018 ha portata esplicativa del comma 1 e non ne altera la portata e quindi, dato che lo stesso comma 1 è già stato sentenziato dalla Corte di Cassazione come NON derogatorio dell’art. 844 c.c., il comma 1 continua a essere congelato e l’art. 844 si applica.

Vediamo adesso come si valuta il rumore secondo il D.P.C.M. 14/11/97 e secondo la tollerabilità di giurisprudenza dell’art. 844 c.c.

Come si valuta il rumore secondo il D.P.C.M. 14/11/97 e secondo la tollerabilità di giurisprudenza dell’art. 844 c.c.

Figura 1 – Le due bilance “pesano” lo stesso rumore, entrambe con il “peso” di 3 decibel. Ma i decibel della bilancia dell’art. 844 c.c. sono più leggeri dei decibel del D.P.C.M. Con i decibel più leggeri il rumore non va bene, mentre con i decibel più pesanti lo stesso rumore va bene. ©G. Campolongo, 2010.

Immissione di rumore in abitazioni di notte a finestra chiusa

Figura 2 – Con immissione forte (semaforo rosso) o lieve (verde) le valutazioni del Comune e del Tribunale concordano; ma nel caso intermedio (giallo) il rumore è accettabile per il Comune e non è tollerabile per il Tribunale. La differenza si verifica malgrado che il numero 3 dB del limite sia uguale nei due criteri; la differenza è nella metodologia dei due tipi di misurazione fonometrica, il livello equivalente Leq e il livello sonoro istantaneo. ©G. Campolongo, 2010.

Figura 3 – La differenza è 3 dB tra rumore ambientale e residuo del D.P.C.M. 14/11/97 invece è 6 dB tra rumore intrusivo dell’immissione e rumore di fondo per la tollerabilità dell’art. 844 c.c. Con il limite massimo 3 dB di notte del D.P.C.M. il rumore è accettabile mentre con il limite di giurisprudenza dell’art. 844 c.c. lo stesso rumore con 6 dB eccede il limite della tollerabilità.

Il comma 1-bis del co. 746 non dice di applicare il D.P.C.M. 14/11/97 per attuare il comma 1 (cioè l’art. 6-ter L. 13/2009) perché l’attuazione del comma 1 è limitata alle sorgenti specifiche e ai relativi decreti, tra i quali il D.P.C.M. non è compreso in quanto non tratta sorgenti specifiche ma, al contrario, generiche sorgenti definite come produttive-commerciali-professionali. La precisazione del comma 1-bis è inutile perché nel comma 1 è già chiaro che alle sorgenti specifiche possono applicarsi i decreti che le prevedono.

In conclusione, ancora una volta – perché già nel passato è stato ripetutamente tentato – il D.P.C.M. 14/11/97 non si applica alla tollerabilità dell’art. 844 c.c. il cui limite massimo è sempre 3 dB oltre il rumore di fondo o altro limite che, volta per volta, il Giudice riterrà più adatto allo specifico caso in esame, sulla base dell’accertamento fonometrico del CTU e delle disposizioni di legge e di regolamento vigenti.

Per la moltitudine delle migliaia di italiani disturbati in maniera intollerabile dal rumore provocato da attività di tutti i tipi attigue alla loro abitazione occorre che il co. 746 della Legge 145/2018 venga dichiarato ininfluente sulla tollerabilità dell’art. 844 c.c. e che l’attuazione giudiziaria del limite della tollerabilità di giurisprudenza dei 3 dB sul rumore di fondo venga riaffermata al più presto. E che il co. 746 sia considerato come acqua fresca che passa senza lasciare traccia.

La domanda è non se ma quando i Giudici lo faranno.

Milano, 18 gennaio 2019

Giorgio Campolongo

Presidente di Missione Rumore, associazione italiana per la difesa dal rumore

Novità

Vuoi sapere se il rumore provocato dal tuo vicino di casa supera il limite massimo di legge?

Il rumore che ti disturba è imprevedibile? Avviene ogni tanto e non alla stessa ora? Avviene di notte?

Devi fornire all’avvocato la prova per iniziare l’azione giudiziaria?

Fai tu stesso la registrazione del rumore con il tuo smartphone

Potresti fare tu stesso la registrazione del rumore con il tuo smartphone per due motivi:

  • pagherai solo il costo della perizia risparmiando il costo della registrazione del tecnico a casa tua
  • e, soprattutto, con il tuo smartphone potresti registrare i rumori che ti disturbano, quando si producono, anche d’improvviso e di notte, che sarebbero difficili se non impossibili da far registrare dal tecnico che può venire a casa tua soltanto su appuntamento.

Per saperne di più: http://www.rumoreincasa.it/registra-il-rumore-con-il-tuo-smartphone.html


“L’Esperto risponde” di Missione Rumore

Rubrica curata dagli esperti regionali

MISSIONE RUMORE - Associazione italiana per la difesa dal rumore
© Copyright 2013 by Maggioli S.p.a.,
“Il rumore del vicinato nelle controversie giudiziarie” di G. Campolongo
Clicca per ingrandire


Disturbo da gruppi frigo di attività commerciale al piano sottostante

Domanda: Abito sopra una attività, prima era una pescheria,adesso è una macelleria. Fanno rumore i motori dei frigo, continuamente tutto il giorno e notte, che sono sotto la mia camera da letto. La mattina alle 6 accendono la cappa e quindi in più c’è rumore dalla canna fumaria, attaccata alla parete della mia camera da […]

Leggi tutto »

Pubblicato in Artigiani, industrie, negozi, uffici e supermercati

Caldaia rumorosa del piano di sotto

Domanda: Vivo al secondo piano di una casa a due piani. Al piano sottostante vive una mia zia  che ha installato nel proprio bagno una caldaia per riscaldamento autonomo (fino all’anno scorso avevamo un riscaldamento centralizzato con caldaia in centrale termica comune, che non arrecava disturbo). La caldaia della zia risulta ora fissata ad un […]

Leggi tutto »

Pubblicato in Vicini rumorosi

Pub con musica dal vivo al venerdì sera

Segnalazione Buongiorno al venerdì sera un pub, i cui locali confinano col mio appartamento, effettua musica dal vivo sino alle 24:00. Misurando con un fonometro (App smartphone) il rumore, immesso nel mio appartamento durante la musica, è inferiore al limite di 25 dB previsto in orario notturno (anche se io sono in zona classificata 3 […]

Leggi tutto »

Pubblicato in Pub, bar, discoteche, ristoranti

Disturbo da musica dal vivo

Segnalazione: Buongiorno ci siamo trovati da quest’estate con una nuova gestione del bar sotto casa con musica dal vivo all’aperto sotto le mie finestre. Ho fatto denuncia all’ufficio inquinamento ambientale ma l’ho fatta da sola, ora ho incontrato una mia vicina e stiamo raccogliendo firme. A.C. – Verbania Risposta: dicembre 2018 Gent.ma Sig.ra A.C. buongiorno. […]

Leggi tutto »

Pubblicato in Pub, bar, discoteche, ristoranti

Per esporre il Vostro caso particolare di disturbo dal rumore del vicino, compilare il modulo che segue:

NOTA: il servizio è gratuito e non comporta alcun impegno da parte dello scrivente.
Le risposte di interesse generale saranno pubblicate sul sito in questa pagina e nell’Archivio dei casi.

* indica un campo obbligatorio
(Massimo 2000 caratteri)

Barrando la casella seguente, l'utente dichiara di avere letto e di accettare la policy del sito con riferimento alla privacy ed all'uso dei cookies dettagliata in questa pagina

Barra la casella "Non sono un robot" e rispondi alle domande eventualmente poste dal sistema di sicurezza